gianni pennisi

Artista iscritto il 8 Dicembre 2017

Visitatori profilo: 2179

Invia messaggio

Nato ad Asti dove vive e lavora, fin da bambino Gianni ha dimostrato di possedere una spiccata attitudine verso il disegno e l’arte in generale. Fu l’insegnante di applicazioni artistiche che in prima media un giorno gli disse “… ragazzo tu hai una mano felice!”

E da allora il suo passatempo preferito fu disegnare e dipingere tutto quanto sollecitava la sua fantasia.

La vita non gli consentì di intraprendere gli studi artistici e quindi sviluppò la sua passione come autodidatta. Detestava il paesaggio, dipingeva nature morte ma il suo vero interesse era rivolto alla studio del nudo, cominciò a partecipare a mostre collettive dove riscuoteva elogi ed apprezzamenti. Nei primi anni 90, dopo un decennio di totale assenza dalla scena artistica diviene socio della locale “Società promotrice delle belle arti”, frequenta lo studio di importanti artisti locali e partecipa a concorsi di pittura a carattere regionale e nazionale. Nei primi anni 2000 frequenta i corsi estivi della scuola internazionale di arte e grafica di Venezia dove viene a contatto con un ambiente internazionale di grande stimolo, lo studio della figura lo affascina, approfondisce la conoscenza dell’anatomia e si esercita nel disegno dal vero con l’ausilio della modella.

Si iscrive quindi al corso di nudo presso l’Accademia Albertina di belle arti di Torino, per tre anni segue le lezioni di nudo e nel contempo impara le tecniche della modellazione con argilla, la figura femminile esce dalla tela per diventare una entità reale dove il pennello viene sostituito dalle mani dell’artista, è un’esperienza nuova ed entusiasmante.   Nelle aule dell’accademia Gianni avverte un’aria nuova lontana dai canoni tradizionali, lo colpiscono i dipinti di arte astratta dove spariscono le forme e i colori diventato protagonisti della tela. Abbandona pian piano i canoni classici e rivolge il suo interesse all’arte astratta intesa come costruzione geometrica delle forme, il colore assume toni accesi e i suoi quadri assumono una nuova vitalità. E’ l’inizio di un nuovo corso, una nuova avventura.

Oggi i suoi quadri sono esposti in permanenza nei locali della galleria Accorsi con sede a Torino e Venezia.  .